CENTRO DI SAGGIO E PROTEZIONE SOSTENIBILE

il CENTRO

Il Centro di Saggio è accreditato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali con i DDMM del 18 settembre 2000 e successivi, per la conduzione di prove ufficiali di campo con prodotti fitosanitari per la valutazione sull’efficacia e sui residui, in diversi settori di attività (aree non agricole, colture arboree, erbacee, forestali, medicinali ed aromatiche, ornamentali, orticole, tropicali, concia delle sementi, conservazione e post-raccolta, diserbo, entomologia, patologia vegetale, nematologia), in attuazione al DL n. 194 del 17/03/1995 in materia di immissione in commercio di prodotti fitosanitari. Le attività sperimentali di campo e di laboratorio sono condotte in accordo alle procedure operative standard (POS) redatte dal personale e costantemente sottoposte a processi di revisione e aggiornamento e rispettando i principi di Buona Pratica Sperimentale (GEP), come previsto dall’Organizzazione Europea per la Protezione delle Piante (EPPO) nelle “Guidelines for the Efficacy Evaluation of Plant Protection Products” e nelle Linee Guida Internazionali quali IOBC/WPRS. Oltre che svolgere prove con finalità di tipo registrativo, i ricercatori e tecnici che operano nel centro di saggio svolgono prove volte a:
  • razionalizzare le strategie di protezione integrata basate sull’impiego dei prodotti fitosanitari, allo scopo di trasferire al territorio le conoscenze acquisite riguardo l’efficacia dei diversi programmi di intervento in specifici contesti colturali e su specifiche colture;
  • verificare l’efficacia di sostanze naturali e/o antagonisti microbici allo scopo di acquisire conoscenze sul comportamento di mezzi di difesa alternativi a quelli chimici, per limitarne l’impiego, ridurre i residui nei prodotti ortofrutticoli alla raccolta, e razionalizzare la protezione delle colture;
  • valutare il rischio di acquisizione di resistenza, in particolare di funghi fitopatogeni, ai prodotti in registrazione al fine definirne la migliore utilizzazione anche ai fini del mantenimento dell’efficacia nel tempo;
  • valutare le interazioni pianta-induttore di resistenza/sostanza naturale/patogeno;
  • valutare le influenze sul micobiota di piante sottoposte a trattamenti con agenti di biocontrollo;
  • valutare gli effetti fitotossici dei formulati saggiati sulle colture oggetto di sperimentazione, secondo quando predisposto dalla linea guida EPPO PP1/135;
  • valutare l’efficacia dei prodotti saggiati nella prevenzione delle alterazioni tipiche in post-raccolta

personale

team4

Prof.ssa Stefania Pollastro

Responsabile Qualità
team2

PROF. FRANCESCO FARETRA

Responsabile di Area
team4

Dott.ssa Crescenza Dongiovanni

Responsabile di Settore
team2

p.a. michele di carolo

Personale
team2

p.a. giulio fumarola

Personale